Zecche delle Marittime vettore della malattia di Lyme?

Ricerca con il progetto Alcotra Lemed-Ibex

La veterinaria Arianna Menzano durante i campionamenti.

Se nei giorni scorsi avete visto camminare gente strisciando lenzuola sull’erba dei prati o nei boschi del Parco non preoccupatevi. Anzi, dovreste esserne contenti perché abbiamo cominciato uno studio dell’animale più antipatico che c’è, e talvolta pericoloso per l’uomo, ma pur sempre parte di quella complessa rete di esseri viventi che contribuisce alla biodiversità: la zecca.

Nell’ambito del progetto Alcotra Lemed-Ibex, di cui le Alpi Marittime sono partner, che ha per obiettivo il monitoraggio e la conservazione dello stambecco alpino è stato avviato uno studio sul parassita la cui presenza è diffusa anche sugli ungulati. La ricerca continuerà sino all'autunno 2019 (per un totale di 3 cicli di prelievi stagionali) per valutare quali siano le specie di zecche presenti, la loro abbondanza e dinamica stagionale di popolazione (prevalenza di larve, ninfe o adulti), le loro preferenze ambientali (distribuzione altimetrica e tipologia di habitat). Inoltre, su alcune zecche verranno effettuate analisi genetiche per la ricerca di malattie che da esse possono essere trasmesse all’uomo (es. Malattia di Lyme o Borreliosi).

La raccolta dei parassiti viene effettuata in 30 stazioni di campionamento, individuate sulla base delle caratteristiche ambientali (abetine, faggete, lariceti) e della quota altimetrica, utilizzando il metodo della coperta strisciata (dragging sample). In questo modo è possibile raccogliere le zecche allo stato libero, non fissate cioè sugli animali, trascinando lentamente un panno bianco (1 mq) lungo un transetto di 100 m. Il metodo si basa sul caratteristico comportamento (ambushing) di molte zecche che attendono, appostate sull’erba, sui cespugli o sulla lettiera, il passaggio di un potenziale ospite su cui attaccarsi.

Da poco è terminata la prima campagna di raccolta e ora si prosegue con l’identificazione della specie e dello stadio di sviluppo delle zecche e con gli esami genetici presso i laboratori del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino.
Non appena disponibili renderemo pubblici i risultati degli esami.
Il progetto progetto Alcotra Lemed-Ibex è cofinanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FERS). Programma di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Francia 2014-2020.


Pubblicata il 24/10/2018