Marta Bassino testimonial delle Alpi Marittime

Marta Bassino alla conferenza stampa di presentazione della nuova collaborazione con ATL del Cuneese, Cuneo Neve e Aree Protette delle Alpi Marittime | Archivio APAM

“Sono molto legata alla mia terra, e dunque sono particolarmente fiera di poter dare un mio contributo per far conoscere le mie montagne e il mondo dello sci cuneese”.
Così ha iniziato il suo intervento Marta Bassino, nel corso della conferenza stampa in cui è stato presentato il rapporto di collaborazione che è stato sottoscritto dalla campionessa di sci borgarina e da tre importanti realtà territoriali: l’ATL del Cuneese, Cuneo Neve e le Aree Protette delle Alpi Marittime.

Che l’operazione vada oltre i confini della sponsorizzazione è evidente, e gli interventi che si sono susseguiti ne sono stati una chiara dimostrazione. Tutti i protagonisti dell’evento, da Mauro Bernardi, presidente dell’ATL del Cuneese, nella cui sede si è tenuta la conferenza stampa, a Roberto Gosso, numero uno di Cuneo Neve, marchio che unisce tutti i soggetti gestori degli impianti cuneesi che aderiscono alla sezione Turismo Gruppo Impianti a fune di Confindustria Cuneo, a Piermario Giordano, presidente delle Aree Protette delle Alpi Marittime, hanno potuto attingere a ricordi personali per raccontare il “fenomeno” Bassino. C’è chi con Marta condivide la cittadinanza, chi l’ha vista muovere i primi passi sugli sci e chi, come Giordano, della giovane campionessa è da sempre tra i più accesi supporter, tanto da essere stato nel 2014 tra i fondatori del “Fan Club Marta Bassino”.


Alle domande dei giornalisti Marta ha risposto con pacatezza – tratto distintivo del suo modo di porsi –. Niente enfasi, nessun proclama: l’obiettivo è di proseguire nel percorso di crescita, migliorando se possibile i risultati ottenuti prima dell’arresto delle gare imposto dal Covid 19. Le recenti tre settimane di allenamenti allo Stelvio le hanno permesso di recuperare la forma: “Le sensazioni sono buone, sto lavorando molto sulla velocità e mi pare di aver fatto dei progressi”. “Grandi emozioni: ce le regala Marta quando gareggia – spiega Piermario Giordano -, ce ne danno, di diverso tipo ma altrettanto intense, le nostre montagne. Ecco perché credo che l’accoppiata Bassino-Marittime sia perfetta”.


Pubblicata il 07/07/2020
Condividi su