Summer School sul lupo nel Parco per gli insegnanti

Contenuti e strumenti per la didattica

Un momento di formazione all'aria aperta | K. Musso - Archivio APAM

La Summer School “Il ruolo del lupo nell’insegnamento multidisciplinare”, organizzata dall’Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Marittime nell’ambito del progetto europeo LIFE WOLFALPS EU è riservata agli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado ed è riconosciuta dal MIUR-Ufficio Scolastico Regionale (autorizzazione n. 15215).

La Summer School è strutturata su
tre giorni e due serate, per una durata complessiva di 28 ore di formazione (tre giornate da 8 ore, due serate da 2 ore) ed è articolata in tre fasi: conoscere, sperimentare, trasmettere. Al fine di rendere più concreta ed efficace la condivisione dei contenuti, il programma alterna lezioni frontali in aula, uscite sul territorio e attività pratiche. Le sedi di svolgimento del corso sono state scelte all’interno di località (Valdieri, Sant’Anna di Valdieri, Entracque) che fanno parte delle Aree Protette delle Alpi Marittime, dove il lupo è una presenza stabile da oltre vent’anni. Il corso è interamente gratuito per i partecipanti: le spese per i servizi di accoglienza turistica sono coperte grazie ai finanziamenti del progetto LIFE WOLFALPS EU ed è possibile scegliere, per chi lo desidera, l’opzione residenziale che prevede ospitalità completa (vitto e alloggio) presso strutture di valle per tutte le giornate formative.
Non sono invece compresi i trasporti, che dovranno essere gestiti dai singoli partecipanti in osservazione delle regole sulla mobilità previste dal DPCM sull’emergenza COVID-19.
L’obiettivo finale è quello di fornire ai docenti di tutte le discipline - dalle scienze alle materie umanistiche, ma anche artistiche o motorie - gli
strumenti indispensabili per poter sviluppare in ambito multidisciplinare l’argomento lupo** come elemento educativo, declinandolo in modo corretto ed efficace all’interno di ciascun insegnamento curriculare. Dal lupo come animale selvatico presente nel contesto ambientale alpino contemporaneo, al lupo che abita l’immaginario collettivo, passando per le vicende storiche e i conflitti innescati dalla coesistenza con la specie in Europa. Esploreremo tanti modi di presentare il lupo e di utilizzarlo di volta in volta sia come specie bandiera per sensibilizzare alla biodiversità sia come filo conduttore per raccontare la trasformazione del paesaggio alpino nell’ultimo secolo nonché come metafora e come espediente narrativo.

I punti di forza della Summer School saranno l’alta qualità dei contenuti scientifici, la preparazione e l’esperienza dei relatori, le attività all’aria aperta - escursione in alpeggio, sperimentazione pratica di attività didattiche, passeggiata notturna - e gli incontri con i portatori di interesse: l’allevatore in alpeggio, biologi, veterinari, guardiaparco e altri esperti del settore. Si approfondirà il tema del lupo sui media fra sensazionalismo e utilizzo strumentale, con un approfondimento su come individuare le fake news (sul lupo e non) e verificare le informazioni in rete.

Scarica il programma.

Per informazioni e iscrizioni:

Le iscrizioni si chiudono una volta raggiunto il numero di 30 partecipanti e comunque entro il 20 agosto 2020. L’attestato di partecipazione indicherà le ore di formazione effettivamente svolte nell’ambito delle tre giornate della Summer School.
Ogni iscritto si impegna comunque al momento dell’iscrizione a frequentare almeno il 60% del corso (17 ore). L’unico criterio di selezione è la priorità di ricezione via mail all’indirizzo sopra indicato.
Chi, una volta iscritto, dovesse rinunciare a partecipare alla Summer School è pregato di comunicarlo tempestivamente all’organizzazione, perché il suo posto possa essere occupato da qualcun altro.