Infogipeto: i dati del progetto del 2018

Roman da Entracque è volato nei cieli di Francia, Svizzera e Austria

È disponibile online (scaricabile o sfogliabile) l’ultimo numero di Infogipeto, periodico sul progetto di reintroduzione del gipeto e che tratta anche degli altri avvoltoi europei.

Nelle 32 pagine contenuti molto interessanti relativi l’andamento della popolazione alpina di gipeto, i risultati dei monitoraggi internazionale e dei vari siti in cui la specie è presente, le nuove reintroduzioni in natura con esemplari allevati in cattività…
Un articolo della rivista è dedicato al territorio della provincia di Cuneo. Nella Granda, nel 2018, sono state fatte 41 osservazioni di gipeto relative ad almeno 6 adulti, 3 subadulti, 5 immaturi e 5 giovani. Quattro di questi avvistamenti riguardano 2 esemplari marcati: Tenao (BV755), rilasciato nel 2013 nel PN Mercantour, e Johannes (BV964), liberato in Svizzera nel 2017.
Per quanto riguarda gli adulti le osservazioni provengono dalle valli Maira, Stura e Varaita e probabilmente, in alcuni casi, riguardano i soggetti delle 4 coppie limitrofe francesi. Invece in Valle Gesso non è stato più avvistato Paolo Peila (BV388), un adulto di 16 anni di età rilasciato nel PN Alpi Marittime nel 2002 che, negli scorsi anni, nei pressi del sito di reintroduzione aveva adottato i giovani rilasciati nel suo territorio.

Straordinari i dati relativi il gipeto Roman, rilasciato a Entracque nel 2015 con una radio satellitare. Le segnalazioni evidenziano uno spiccato erratismo nelle Alpi Occidentali francesi, dalle quali l'avvoltoio ha frequentato anche i cieli della Valle d’Aosta, del torinese, del Verbano, spingendosi sino a quelli della Svizzera e dell’Austria.


Pubblicata il 04/04/2019