Petizione per sostenere la candidatura Unesco

Alpi del Mediterraneo e Patrimonio mondiale dell'Umanità

Le "Alpi del Mediterraneo" vengano riconosciute patrimonio UNESCO!
È quanto richiede la petizione lanciata nei giorni scorsi sulla piattaforma online change.org dopo che l’IUCN, organo tecnico-scientifico che esprime un parere sulle candidature Unesco, ha rilevato alcune criticità sul dossier di candidatura delle Alpi del Mediterraneo. In pochissimo tempo oltre 5.000 cittadini hanno firmato l’appello al Ministro dell'Ambiente Sergio Costa, al Presidente del Piemonte Alberto Cirio e al Presidente della Liguria Antonio Toti di fare ogni sforzo possibile per sostenere questa candidatura in vista della conferenza di Baku, tra la fine di giugno e l'inizio di luglio, in cui saranno proclamati i nominativi dei nuovi Patrimoni dell'Umanità riconosciuti nel 2019.

“Le Alpi del Mediterraneo sono un patrimonio naturale straordinario, testimone eccezionale della geologia del pianeta. Qui è conservata la memoria di eventi remoti, che datano milioni di anni fa, e nello stesso tempo costituiscono un inestimabile incubatore di biodiversità per la vita che verrà. È nostro dovere proteggerli e farli conoscere, consegnarli integri alle future generazioni” ha scritto nella petizione l’onorevole Chiara Gribaudo.

Spiega Paolo Salsotto, presidente delle Aree Protette Alpi Marittime: “Qualcuno in queste ore si sta chiedendo se pensiamo di influenzare l'Unesco con una raccolta di firme... In realtà lo scopo principale di questa petizione è quello di confermare ai Governi dei tre Stati (Italia, Francia, Monaco) e delle tre Regioni (Piemonte, Liguria, PACA) l'effettivo interesse del territorio a questa candidatura. Non dobbiamo dimenticare che tutte le recenti candidature naturali italiane e francesi non sono state approvate al primo tentativo: Dolomiti, Langhe-Roero-Monferrato, Puy de Dôme e ora Prosecco hanno avuto un primo rinvio e in seguito hanno ottenuto il riconoscimento. Ci fa molto piacere aver ricevuto in queste ore l'appoggio trasversale e convinto del Ministro Costa, del Presidente Cirio, di molti Sindaci delle nostre valli e di tanti altri che (al di là degli schieramenti politici che in questa cosa c'entrano ben poco) hanno a cuore il nostro territorio”.

“Indipendentemente da cosa deciderà l'Unesco – prosegue Salsotto - questa parte di mondo resta unica e meravigliosa!! Grazie a tutti per il vostro appoggio".


Pubblicata il 13/06/2019