Che ci fanno 7 rifugisti delle Marittime a Nizza?

Progetto Alcotra Piter Alpimed - Patrim

Da sinistra: Mary (rifugio Soria), Marco (rifugio Morelli), Flavio (rifugio Questa), Paolo (rifugio Morelli), Luca (rifugio Casa Savoia), Andrea (rifugio Valasco) e Aladar (rifugio Pargarì)

Ieri (11 dicembre), i gestori dei rifugi delle Aree Protette Alpi Marittime (Casa Savoia, Morelli, Pagarì, Questa, Soria, Valasco) hanno incontrato a Nizza i colleghi del Parc National Mercantour e del Parco Alpi Liguri in un appuntamento, organizzato nell'ambito del progetto Alcotra Piter Alpimed - Patrime finalizzato al confronto su temi di estrema attualità: sostenibilità ambientale, ecoturismo, ebike, marchi e certificazioni.

L’incontro è inoltre stato l'occasione per presentare le azioni di cooperazione transfrontaliera in corso e i nuovi strumenti di comunicazione e marketing ambientale ideati dal Parc du Mercantour e adottati dalle strutture ricettive del proprio territorio.


Pubblicata il 11/12/2019