Che aria tira?

Incontro sugli abbruciamenti agricoli e forestali

Abbruciamento in un castagneto | G. Bernardi

Mercoledì 12 febbraio, alle 17, nella Sala Incontri del Parco Marguareis, in via Sant’Anna 34 a Chiusa di Pesio (CN), si terrà il convegno Che aria tira? in materia di abbruciamento dei residui vegetali in campo agricolo e forestale, un tema di grande interesse per gli operatori del settore.
La normativa in materia, infatti, nonostante sia stata oggetto di modifiche nel corso del tempo, non smette di far discutere. In questo momento la legge regionale numero 15 del 2018 circoscrive il divieto di abbruciamento dal 1° novembre al 31 marzo: mentre a detta di alcuni operatori tale norma vincola in modo stringente la gestione del territorio montano, in particolare quello legato ai castagneti, secondo altri è il giusto compromesso per arginare la problematica delle emissioni nell’atmosfera e dell’inquinamento.

Allo scopo di approfondire la tematica, nasce l’idea del convegno Che aria tira promosso da Claudio Baudino, sindaco di Chiusa di Pesio e vice presidente dell’Associazione Nazionale Città del Castagno, in collaborazione con il Centro Regionale di Castanicoltura e l’Università degli Studi di Torino, rappresentati dai docenti Eleonora Bonifacio, Loris Gabriele Beccaro e Maria Gabriella Mellano.

Il convegno, a ingresso libero e gratuito, intende affrontare in termini divulgativi il tema, attraverso diversi specialisti in materia. In seguito ai saluti istituzionali, oltre ai già citati Claudio Baudino, Eleonora Bonifacio, Loris Gabriele Beccaro e Maria Gabriella Mellano, interverranno: Andrea Bodino (Safe Quality System), Daniele Cora (Ispettore Regionale AIB), Marco Bozzolo (Comunità Slow Food) e Marco Bussone (UNCEM).

Tra gli argomenti di discussione, si affronterà la gestione dell’ambiente montano e agricolo, l’eventuale modifica del periodo di divieto, i vantaggi e gli svantaggi dal punto di vista agronomico e le possibili ricadute sulla prevenzione degli incendi boschivi.


Pubblicata il 28/01/2020
Condividi su