Proseguono i lavori di ripristino dei sentieri, l’assessore Carosso apprezza

Strade e sentieri

L’assessore ai Parchi, Foreste e Montagna Fabio Carosso domenica 9 agosto è salito al rifugio Soria in compagnia di Piermario Giordano e Giuseppe Canavese, rispettivamente presidente e direttore delle Aree Protette delle Alpi Marittime, e di Gian Pietro Pepino, sindaco di Entracque. Una visita che ha permesso a Carosso, che è anche vicepresidente della giunta regionale, di verificare l’avanzamento dei lavori di ripristino di strade e sentieri in una delle zone maggiormente colpite dalla tempesta Alex dell’ottobre scorso.

Il sopralluogo non è passato inosservato, come dimostrano i servizi comparsi sulla stampa locale (si veda a titolo di esempio l’articolo del settimanale La Guida).

Carosso ha potuto constatare che i principali collegamenti sono nuovamente funzionanti. Ma gli interventi proseguono, in particolare per quanto riguarda gli itinerari in quota. I lavori delle squadre forestali della Regione e dei servizi tecnici delle Aree Protette sono ora concentrati sul sentiero che dal Lago del Vei del Bouc sale all’omonimo colle nonché sui tracciati dell’alto vallone della Rovina.


Strade e sentieri in Valle Gesso

Aggiornamenti in evidenza

Sentiero Passo della Mena (Vallone del Sabbione)
Il tracciato del sentiero è stato ripristinato.

Sentiero ex strada Enel diga Chiotas
Il sentiero che si snoda sulla ex strada Enel verso la diga Chiotas è stato ripristinato e messo in sicurezza.

Sentiero diretto al Lago del Chiotas
Il sentiero diretto verso il Laco del Chiotas è stato interessato da lavori di manutenzione ed è percorribile in sicurezza.

GTA tratto San Giacomo - Trinità di Entracque
Il tratto di sentiero GTA che collega San Giacomo a Trinità di Entracque è stato ripristinato, ma attenzione: sull'itinerario non sono presenti le passerelle di Tetto Terapin, di Tetto Tanasso e della "Truccia".

Sentiero Rifugio Pagarì
Il sentiero, nei pressi del gias soprano del Muraion. è interrotto per circa 15 metri dalla presenza di una frana.
Il superamento del tratto non presenta particolari criticità, è tuttavia necessario prestare attenzione a possibili massi instabili.


Pubblicata il 12/08/2021
Condividi su