Giorno della Memoria

Ricorrenze

Attraverso la Memoria al Colle del Ciriegia | G. Bernardi

Nel “Giorno della Memoria” non possiamo dimenticare i giorni tra l'8 ed il 13 settembre 1943, durante i quali circa 800 ebrei scesero in valle Gesso, a San Giacomo di Entracque ed alle Terme di Valdieri, in seguito alla dissoluzione dei reparti della IV Armata del Regio Esercito Italiano. Quei profughi provenivano dalle più diverse località dell'Europa, che avevano negli anni trascorsi via via dovuto abbandonare, alla ricerca di un riparo dalla persecuzione antisemita che il nazismo dilagante portava con sé.

Il 12 settembre Cuneo è occupata dai tedeschi. Il 18 settembre un bando emanato dal comando tedesco ordina l'arresto immediato di tutti gli stranieri che si trovino nella zona: 349 ebrei sono così arrestati e rinchiusi nella ex caserma degli alpini di Borgo San Dalmazzo, trasformata in campo di concentramento e gestita dalle autorità locali subordinate ai tedeschi. Altri ebrei furono arrestati nei giorni successivi. Tra questi, i cuneesi, poi rilasciati tutti tra il 28 ottobre ed il 9 novembre.
Il 21 novembre, 328 ebrei stranieri furono deportati dal campo e dall'ospedale dove alcuni di loro erano stati ricoverati, ad Auschwitz. Di soli 18 di essi abbiamo la certezza che siano sopravvissuti.

Ricorda e racconta i tragici giorni il documentario “Dove danzeremo domani” della regista francese Audrey Gordon. Il film sarà presentato martedì 1° febbraio, alle 21, al cinema Monviso.
Gordon ha ricostruito con lettere, memorie e fotografie private la relazione tra Rima Dridso Levin, un’ebrea russa, e Federico Strobino, un ufficiale italiano, nella cittadina francese di Saint Martin de Vésubie negli anni della Seconda Guerra Mondiale.
Partendo dalla vicenda, il film racconta la storia degli ebrei che, partiti a piedi proprio da Saint Martin de Vésubie e arrivati al fondo della valle Gesso attraverso il Colle delle Finestre e il Colle del Ciriegia, furono internati presso il campo di concentramento di Borgo San Dalmazzo da dove vennero deportati ad Auschwitz.

Per assistere agli spettacoli è richiesta la prenotazione on-line al link SiTickets ed è necessario il green pass rafforzato. Per maggiori informazioni si può telefonare allo 0171-44.48.12 o scrivere a spettacoli@comune.cuneo.it.

Per ricordare i tragici giorni della traversata dei colli transfrontalieri della Valle Gesso ogni anno, tra la fine di agosto e l’inizio di settembre, vi è il programma di eventi “Attraverso la Memoria”. Un appuntamento fisso ad anni alterni ai valichi di Ciriegia (Valdieri) e di Finestra (Entracque). Il programma sarà pubblicato sul sito appena disponibile.


Pubblicata il 27/01/2022
Condividi su