Avvoltoi in Piemonte n. 3

Ricerca e conservazione

Grifone | Foto F. Panuello.

Raccoglie centinaia di dati e splendide immagini, il nuovo numero di “Avvoltoi Piemonte”. Il foglio informativo digitale è a cura del Centro di referenza regionale “Avvoltoi e rapaci alpini” che ha sede presso gli Enti di gestione delle Aree Protette Alpi Marittime e delle Alpi Cozie.
La pubblicazione è uno strumento di comunicazione e di condivisione di dati tra gli addetti ai lavori delle osservazioni di gipeto, grifone e capovaccaio sulle Alpi Piemontesi. Il notiziario è reso disponibile on-line (vedi sotto) per informare i numerosi appassionati di avifauna che potrebbero con le loro segnalazioni contribuire alle attività di ricerca del Centro di referenza regionale.

Sfogliando le pagine di “Avvoltoi Piemonte”, che presentano le attività di campo tra luglio e dicembre 2021, si evidenziano impegno, passione e anche la determinazione dei volontari, ricercatori e dipendenti dei Parchi nella raccolta dati, realizzata con metodo e accuratezza scientifica. Uno sforzo corale che permette di approfondire le conoscenze sulle tre specie e di garantirne la tutela e la conservazione.

Per quanto riguarda le Aree Protette Alpi Marittime che oltre a due Parchi e otto Riserve naturali gestiscono anche 21 siti d’interesse comunitario, interessando quindi un territorio che va dall’Alta Langa va all’Alta Val Maira, sono significative le osservazioni di gipeto. Nel secondo semestre 2021, compresi alcuni avvistamenti in Val Varaita, l’avvoltoio è stato rilevato 76 volte che hanno permesso di identificare la presenza di almeno 9 adulti, 1 subadulto, 9 immaturi e 3 giovani. Sebbene una parte di questi animali è riconducibile allo sconfinamento dalla Francia di alcune coppie ci sono buone prospettive per una riproduzione di una coppia nel cuneese, evento che non si verifica dall’inizio del ‘900 quando la specie si estinse.


Pubblicata il 25/01/2022
Condividi su