Valdieri, un comune che crede nello sviluppo sostenibile

Dal territorio

Valdieri | G. Bernardi.

Energia sostenibile, sostegno al turismo e alle attività agricole. Sono alcuni dei punti forti dell’azione dell’amministrazione comunale di Valdieri che si è insediata lo scorso autunno. Di questi e altri temi ne scriviamo per la rubrica “Dal Territorio”, dopo una chiacchierata tra le mura dell’austero palazzo municipale con il sindaco Guido Giordana e la vice sindaco Sharon Giraudo.

Costi energetici elevatissimi e cambiamenti climatici, Valdieri non si è fatta trovare impreparata.
Siamo in un momento difficile, con ricadute economiche negative importanti per un comune come il nostro. Fortunatamente sono già state avviate alcune iniziative che rispondono, seppur parzialmente, alle criticità che stiamo vivendo. Recentemente è nata una “Cer” (Comunità energetica rinnovabile). Si tratta di un’associazione tra Comune, Casa di riposo Imberti-Grandis e Parco delle Alpi Marittime che condivide l’impianto fotovoltaico installato sul tetto delle scuole Secondarie per la produzione e l’autoconsumo di energia da fonti rinnovabili. Un piccolo, ma significativo, passo nel segno della transizione ecologica che permette anche un modesto introito annuale da destinare alla residenza per anziani.
Dall’autunno 2021, inoltre, è attiva nel capoluogo una centrale di teleriscaldamento a biomasse realizzata da Edison. Un impianto di ultima generazione che ha permesso di sostituire un buon numero di caldaie presso utenze pubbliche e private consentendo benefici economici e ambientali per la riduzione complessiva delle emissioni. La biomassa legnosa forestale utilizzata nella centrale proviene dalle vallate cuneesi. Sono collegati alla rete di teleriscaldamento il Municipio, le scuole, la palestra, la casa di riposo, la caserma dei Carabinieri e anche utenze private. Questi tempi ci impongono di essere particolarmente virtuosi. Partirà a breve una nuova modalità di gestione del servizio di illuminazione pubblica. Per ridurre le spese energetiche le luci saranno spente nelle ore centrali della notte.
Un progetto che il comune sta valutando, coinvolgendo anche il Parco e le associazioni ambientaliste locali, è quello del recupero ed utilizzo della ex cava Cementir. Il nostro Ente diversi anni fa ottenne dalla società una somma cospicua che non è mai stata utilizzata e che vorremmo impiegare per l’acquisto di alcuni terreni di pertinenza al sito minerario e per realizzare un campo fotovoltaico nell’area degradata ai piedi della montagna. Un intervento che potrebbe avere ricadute positive per tutta la comunità.
Anche il territorio di Valdieri nel 2020 è stato colpito dalla terribile tempesta a che punto è la ricostruzione?
La rete sentieristica è stata in buona parte ripristinata dal Parco con la collaborazione del Comune e delle squadre degli operai forestali della Regione Piemonte. La Provincia ha sistemato la strada, franata in più punti, che conduce a Terme di Valdieri. Resta da realizzare il ponte nel cuore della frazione cui si è sopperito con un attraversamento provvisorio. È un’opera molto costosa che il Comune non è in grado di sostenere. Abbiamo valutato pertanto di ridimensionare il progetto iniziale suddividendo l’opera in lotti più facilmente finanziabili.

All’ingresso del Comune c’è un cartello con scritto “Aderiamo a +Api”, di cosa di tratta?
Abbiamo partecipato al bando della Fondazione CRC che promuove un’operazione simbolica ma di valore perché sensibilizza i cittadini sul ruolo fondamentale delle api per l’ambiente e gli ecosistemi. A Sant’Anna un appezzamento diventerà un’oasi fiorita per le api con sementi fornite dalla Fondazione Agrion partner della Fondazione CRC. Un intervento in cui vorremmo coinvolgere le scuole locali a scopo educativo.
A proposito di Sant’Anna che progetti o iniziative sono in campo?
La frazione è stata inserita all’interno di una richiesta di finanziamento da parte del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Se otterremo le risorse riqualificheremo completamente il campeggio e la sua struttura. In ogni caso, anche senza i fondi del Pnrr, il Comune interverrà per migliorare il campeggio e farà di tutto per la sua riapertura. All’interno del Piano è prevista anche l’estensione della tettoia del Museo della civiltà della Segale per avere uno spazio più idoneo ad ospitare manifestazioni. Nel capoluogo vorremmo realizzare una sala mensa presso le scuole medie, per offrire il servizio nello stesso edificio in cui i nostri ragazzi frequentano le lezioni.
Sulla piazza del Municipio avete installato una colonnina per la ricarica elettrica delle auto, quando sarà attivata?
È un’azione a favore della mobilità sostenibile che abbiamo realizzato con un finanziamento. Per mettere a disposizione degli utenti la colonnina servono ancora degli interventi per garantire l’utilizzo del servizio h24.
Sempre nell’ambito della mobilità sostenibile a Valdieri e nelle frazioni è in progetto il miglioramento e l’estensione della rete di marciapiedi. Tutto ciò poiché la sicurezza stradale ci sta molto a cuore. A questi lavori segnaliamo che sta per partire il piano di asfaltature che interesserà frazioni e capoluoghi.
È in previsione anche un importante intervento sulla strada comunale del Vallone della Valletta.
Per questa strada abbiamo ottenuto un finanziamento di 300 mila euro per la regimazione delle acque dei valloni laterali e per la viabilità. I lavori sono programmati entro l’anno.
In ambito turistico quali sono le iniziative?
A giorni dovrebbe essere attiva, con accesso dal sito internet del Comune, una webcam con inquadratura della piazza del Municipio e del Lausetto che risponde a un’esigenza di molti turisti e frequentatori della Valle Gesso. In collaborazione con le varie proloco, parco e associazioni abbiamo avviato i lavori per la pubblicazione entro maggio di un calendario di eventi condiviso. Si sta anche lavorando per la realizzazione di tovagliette con la segnalazione dei percorsi escursionistici facili, adatti a famiglie e anziani, con partenza dai vari paesi del comune. È anche in corso la pubblicazione dei bandi di affidamento delle riserve di pesca comunali che rappresentano un elemento forte dell’offerta turistica del territorio.
Valdieri è un comune tradizionalmente agricolo, per questo settore cosa bolle in pentola?
Per il comune è particolarmente soddisfacente la recente creazione del consorzio della patata “I balin dal re” che riunisce coltivatori di Valdieri e Roaschia. Dalla iniziale vendita diretta sul territorio sono sempre più le richieste esterne da parte di consumatori che hanno apprezzato la qualità del prodotto. Altra cosa rimarchevole è l’ampliamento di stalle sul territorio e la domanda d’insediamento di una nuova azienda agricole. Tali azioni sono state favorite dalla revisione del regolamento delle Alpi pascolive che per l’assegnazione privilegia i residenti.


Pubblicata il 31/03/2022
Condividi su