A Vernante, successo per Imaginé che continua con la mostra

Piccolo festival della narrazione per figure

Il laboratorio di stampa a cura del Museo civico della Stampa di Mondovì | Loris Salussolia.

Un'edizione al contempo normale, dopo le ultime due condizionate dalla pandemia, e speciale, per l'atmosfera di festa e di comunità che si è respirata a Vernante: questo è stato Imaginé | piccolo festival della narrazione per figure 2022.
Sabato 17 e domenica 18 settembre, in una Vernante da cartolina con cielo terso e sole caldo, il festival dedicato agli albi illustrati, organizzato e promosso da noau | officina culturale, ha registrato oltre 2.000 visitatori, coinvolgendo giovani, famiglie con bambini e tanti appassionati di illustrazione di tutte le età provenienti da tutta Italia.

Un'edizione, la quinta, preceduta da due grandi ritorni che erano l'obiettivo dichiarato per il 2022, vale a dire il workshop residenziale per illustratori 'Immagini dalla riva di un fiume', tenuto dall'autrice Alicia Baladan dall'11 al 15 luglio scorsi, e i laboratori nelle scuole della valle Vermenagna, che tra il 13 e il 16 settembre hanno coinvolto centoventi alunni delle scuole dell'infanzia e primarie di Roccavione, Robilante e Vernante. Due momenti fondamentali del festival che sono stati il preludio a un weekend con tante gradite conferme, come il sold out delle letture animate e dei laboratori creativi per i più piccoli, e alcune novità che hanno riscosso grande successo come le dimostrazioni e i laboratori di stampa a cura del Museo Civico della Stampa di Mondovì, anch’esso gestito da noau | officina culturale, l'area giochi per bambini, la libreria gestita dalla libreria Banco di Mondovì che come ogni anno propone al pubblico chicche introvabili, i momenti musicali animati dall'etichetta torinese Salgari Records. A rendere ancora più magico Imaginé è arrivata da La Brigue Aurore Émaille, che con il suo furgone restaurato ha percorso la 'strada dei 50 tornanti' del Colle di Tenda per raggiungere la valle Vermenagna. Il suo laboratorio artistico ambulante ha incantato grandi e piccini e ha dato una dimensione transfrontaliera al festival, sostenuto dal Progetto Interreg Alcotra n. 8488 "Vermenagna-Roya II".

Tra i fruitori del festival tanti sono stati gli appassionati della prima ora, fieri di non aver mancato nemmeno un'edizione dalla prima dell'aprile del 2018, ma è stata anche consistente la fetta di pubblico che quest'anno grazie a Imaginé è venuta a Vernante per la prima volta e da tutta Italia, rimanendone affascinata.

In attesa dell'edizione 2023, l'eco del festival continuerà a risuonare in valle fino al 29 settembre attraverso la mostra 'Viaggio acquatico'**, allestita al primo piano centro visita e aperta tutti i giorni negli orari 10:00-12:00 e 16:00-18:00 eccetto il giovedì.

Sara Rubeis di noau| officina culturale e coordinatrice del progetto. "Se nel 2017, quando Imaginé era ancora solo un'idea, ci avessero detto che nel 2022 il festival sarebbe stato un appuntamento irrinunciabile per tante famiglie cuneesi, ci sarebbe sembrato un sogno. La realtà è che è tutto vero, come dimostrato dalla partecipazione a questa quinta edizione. Un successo frutto del lavoro di squadra e reso possibile da tutti i partner, a partire dal Comune di Vernante passando per le Aree Protette delle Alpi Marittime, un ente con cui la collaborazione si è ulteriormente rafforzata, e il festival Illustrada, con il quale abbiamo organizzato la mostra mercato. Fondamentale il supporto della Fondazione CRC e della Fondazione CRT, che credono nel festival dal giorno zero. Obiettivi per il futuro? Continuare a proporre il workshop residenziale per illustratori, ampliare l'offerta della settimana di festival, rafforzare le sinergie con i partner che in questi anni ci hanno accompagnato e sostenuto. La nostra associazione è in una fase di cambiamento, in questi anni siamo cresciuti molto in termini di progetti realizzati e questo ci ha spinti a rivedere il nostro assetto e a rafforzare la struttura operativa, azioni che crediamo ci consentiranno di crescere insieme a Vernante e a Imaginé".

Gian Piero Dalmasso, sindaco di Vernante: "Dopo le ultime due edizioni condizionate dalla pandemia poter accogliere a Vernante il pubblico di Imaginé senza restrizioni è stato come tornare a respirare. Il festival ha permeato il centro visita del Parco, il museo Mussino e Vernante tutta di un'atmosfera di festa, frizzante e calda come l'aria e il sole di questo fine settimana, che è stato solo il culmine del progetto. Il workshop residenziale 'Immagini dalla riva di un fiume', che a luglio ha richiamato in paese quindici illustratrici da tutta Italia, e i laboratori nelle scuole della valle Vermenagna, testimoniano come il lavoro di noau | officina culturale vada ben oltre il weekend del festival e porti a Vernante una progettualità importante".


Pubblicata il 20/09/2022
Condividi su